“Easy Rider”: il reboot del celebre cult del potrebbe arrivare sul grande schermo

“Easy Rider”: il reboot del celebre cult del potrebbe arrivare sul grande schermo

Come riportato da Variety, un gruppo di attori e produttori, che include tra l’altro la Kodiak Pictures di Maurice Fadida, Eric B. Fleischman dei Defiant Studios e il Jean Boulle Group, potrebbe riportare sul grande schermo il celebre cult del 1969: “Easy Rider”.

I produttori infatti, che possiedono i diritti del film originale, distribuito dalla Columbia Pictures, diretto e interpretato da Dennis Hopper (Billy), con Peter Fonda (Wyatt, detto “Capitan America”)Jack Nicholson (George Hanson), sarebbero attualmente alla ricerca di sceneggiatori e registi in grado di modernizzarlo mantenendo però lo spirito della storia, che  narra il viaggio attraverso gli Stati Uniti d’America da Los Angeles alla Louisiana di due motociclisti,  a bordo dei loro chopper, in totale libertà.

 “Il nostro obiettivo è costruire il progetto sulla controcultura e sulla narrazione della libertà che l’originale ci ha lasciato, e dare ai giovani di oggi un film che presti seria attenzione alle loro controculture e alle loro sfide” – ha dichiarato Maurice Fadida“Ciò che i giovani spettatori di oggi sperimentano nella loro vita quotidiana può sembrare folle alle vecchie generazioni, ma può benissimo diventare la norma della società, come è successo con il cambiamento culturale della fine degli anni Sessanta. Speriamo di poter contribuire a questo cambiamento”.

Considerato da molti simbolo della Nuova Hollywood, “Easy Rider”, che a fronte di un budget di 400.000 dollari ne ha incassato ben 60 milioni di dollari, ha vinto il Premio per la Miglior Opera Prima al 22esmo Festival di Cannes, e fu candidato per la Miglior Sceneggiatura e Attore non Protagonista agli Oscar.

Nel 1998 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, e nello stesso anno l’American Film Institute l’ha inserito nella classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi.

FONTE SCREENWORLD.IT