Noir in Festival 2022: dalla prima volta del Noir in Gaming alla scoperta di Quentin Tarantino il programma domenica 4 dicembre

Noir in Festival 2022: dalla prima volta del Noir in Gaming alla scoperta di Quentin Tarantino il programma domenica 4 dicembre

La domenica di Milano di tinge di Noir con la seconda giornata di festival, che per la sua 32ma edizione propone per la prima volta il tema del videogioco declinato a tinte noir. Prende infatti il via domenica 4 dicembre il progetto Game inFest, realizzato da QAcademy, che porterà nello spazio The Bridge di IULM 6 ben 12 giochi iconici che fino al 6 dicembre il pubblico del festival potrà provare in prima persona su consolle. La commistione di linguaggi è sempre stata una delle anime del Noir in Festival, e per questo l’universo dei videogiochi non poteva mancare. Ma oltre ai momenti dedicati al gioco vero e proprio, ci saranno anche due appuntamenti dedicati all’approfondimento: Creare un videogame, un incontro con il game designer e storyteller Daniele Fusetto (lunedì 5 dicembre ore 15.00, IULM 6)Dal cinema al videogame, andata e ritorno (martedì 6 dicembre ore 12.00, IULM 6), talk con Francesco Toniolo, docente di Forme e Generi del Cinema e dell’Audiovisivo (Università Cattolica Sacro Cuore di Milano) e di Game Culture (Nuova Accademia di Belle Arti-(NABA), e Gemma Fantacci, PhD Student in Visual and Media Studies presso Università IULM, moderato dal direttore del festival Giorgio Gosetti.

In chiusura di giornata, un momento speciale dedicato alla storica seconda edizione del Noir in Festival del 1992 a Viareggio, che vide tra gli ospiti un regista destinato a diventare leggenda: Quentin Tarantino. Il racconto di quella partecipazione è diventato un documentario per la regia di Davide Rapp con testi di Davide Rapp e Michele Boroni. Al Noir verranno presentati in anteprima i primi 40 minuti del documentario, C’era una volta a Viareggio, che a distanza di 30 anni porta sullo schermo i ricordi di chi incontrò Tarantino in quell’estate viareggina (ore 21.00, IULM 6). A seguire la proiezione della versione restaurata de Le Iene.

La Redazione