“Cent’anni di Solitudine”: Netflix annuncia l’adattamento del romanzo di Gabriel García Márquez

“Cent’anni di Solitudine”: Netflix annuncia l’adattamento del romanzo di Gabriel García Márquez

Attraverso un breve Teaser, Netflix ha annunciato l’arrivo della serie tratta da “Cent’anni di solitudini” il capolavoro del premio Nobel per la Letteratura Gabriel García Márquez.

Prima trasposizione del celebre romanzo, pubblicato nel 1967, tradotto in 46 lingue e che ha superato le 50 milioni di copie vendute in tutto il mondo, Márquez infatti, scomparso nel 2014, non hai mai concesso i diritti di sfruttamento sia televisivi che cinematografici, a produrre esecutivamente saranno i figli dello scrittore, Rodrigo García e Gonzalo García Barcha. Le riprese si svolgeranno principalmente in Colombia e il progetto sarà girato in lingua spagnola.

“Per decenni nostro padre non ha voluto vendere i diritti cinematografici di ‘Cien años de soledad’, perché pensava che non fosse possibile realizzare un adattamento nei limiti di tempo di un film, e che produrlo in una lingua diversa dallo spagnolo non avrebbe reso giustizia al romanzo” – hanno dichiarato Rodrigo e Gonzalo“Tuttavia, nell’attuale epoca d’oro delle serie in cui viviamo, con sceneggiatori e registi di grande talento, l’alta qualità cinematografica dei contenuti e l’accettazione di programmi in lingue straniere da parte del pubblico mondiale, è il momento giusto per realizzare questo adattamento e offrirlo allo straordinario pubblico globale Netflix. Siamo felici di sostenere Netflix e i registi in questa impresa, e non vediamo l’ora di vedere il prodotto finale.”

“Cent’anni di Solitudine” racconta l’ascesa e la caduta della città di Macondo, fondata da Ursula e José Arcadio Buendia, in una regione di foreste, il cui isolamento verrà interrotto da una tribù di zingari che scopre la strada per Macondo tra la radura selvaggia. Metafora della conquista e distruzione dell’America Latina da parte dall’Europa.

© Riproduzione Riservata