Festa del Cinema di Roma 2022: L’Istituto Roberto Rossellini presenta Divergenze Parallele: Roma e gli anni di piombo

Festa del Cinema di Roma 2022: L’Istituto Roberto Rossellini presenta Divergenze Parallele: Roma e gli anni di piombo

L’Istituto di Istruzione Superiore Statale “Cine-Tv Roberto Rossellini” conferma la propria collaborazione con la Fondazione Cinema per Roma presentando, in occasione della Festa del CinemaDivergenze Parallele: Roma e gli anni di piombo, un film di Massimo Franchi, realizzato dai propri docenti e allievi in collaborazione con il MIUR, l’Associazione Domenico Ricci per la memoria dei caduti di via Fani e l’Associazione Fratelli Mattei.

Il docufilm si propone di far conoscere alle nuove generazioni le peculiarità, le vicende più significative e le dinamiche degli Anni di piombo. Attraverso un viaggio per le strade della Capitale e incontrando diversi esperti che hanno vissuto o studiato quel periodo, tre studenti prossimi alla maturità compiono un percorso di memoria, conoscenza, consapevolezza e crescita culturale ed emotiva, raccogliendo l’eredità del passato per poterla trasmettere ai propri coetanei.

Divergenze Parallele: Roma e gli anni di piombo sarà presentato oggi, mercoledì 19 ottobre alle ore 17.30 presso il MAXXI. A introdurlo ci saranno alcuni degli intervistati dagli allievi dell’Istituto: la figlia del giudice Vittorio Occorsio, Susanna Occorsio, i giornalisti Stefania Limiti, Giampaolo Mattei, Grazia Francescato, la responsabile dell’Archivio Flamigni, Ilaria Moroni, il regista Enzo De Camilllis e Giovanni Ricci, figlio di Domenico, ucciso a via Fani.

Secondo il regista Massimo Franchi: “Per le ultime generazioni, la storia recente del nostro Paese è pressoché avvolta dall’oblio. In un periodo tanto delicato come quello attuale – dove globalizzazione, guerra, violazione dei diritti umani e terrorismo convivono e collidono nel mondo e nella società – mi sono chiesto quanto fosse urgente e importante creare tra i miei studenti e i loro coetanei una consapevolezza critica del passato perché possano affrontare il futuro nel modo migliore”.

La Redazione