“Maccioverse”: l’anteprima del primo episodio della serie è stato l’evento del Metaverso più seguito in Europa nel 2022

“Maccioverse”: l’anteprima del primo episodio della serie è stato l’evento del Metaverso più seguito in Europa nel 2022

Con un totale di oltre 110.000 persone connesse, 438.000 fruitori coinvolti tra Twitch, Discord e Instagram, 248.500 utenti coinvolti tra views e subscription e 440.000 impression complessive, l’anteprima del primo episodio di “MACCIOVERSE” avvenuta domenica 25 settembre è stato l’evento nel metaverso più visto in Europa nel 2022.

La serie originale in 5 episodi del comico, autore e attore Maccio Capatonda, è la prima ad essere stata presentata all’interno di un cinema virtuale grazie a Somnium Space, la compagnia ceca che si occupa dello sviluppo di un proprio metaverso basato sulla tecnologia blockchain. Creando il proprio avatar il pubblico ha potuto partecipare all’evento comodamente da casa propria e interagire con l’avatar di Maccio Capatonda.

“Maccioverse” ha debuttato ieri lunedì 26 settembre con la prima puntata sulla piattaforma streaming Elisium di Elimobile e sarà disponibile con un nuovo episodio ogni lunedì. 

La serie è nata da un’idea di Marcello Macchia (in arte Maccio Capatonda), che lo ha visto autore insieme a Danilo Carlani, Clemente Meucci, Andrea Mancini e Luigi Luciano (Herbert Ballerina) e regista insieme a Danilo Carlani e Alessio Dogana. La produzione è affidata a Micidial in collaborazione con Freak Factory. Per Elimobile il progetto è curato da Clotilde Zomparelli, Head of Research Talents & Creation Development Contents.

Maccio Capatonda è il protagonista Maccio, a cui si affiancano come co-protagonisti Myriam Lugarà (Myriam), Valerio Desirò (Valerio), Pippo Lo Russo (Pippo) e Luca Confortini (Luca). 

“Maccioverse” racconta di Maccio, un lavoratore 2.0, che si ritrova a essere inglobato in quegli strumenti tecnologici che ora sono così tanto utili quanto distruttivi. Vivere in una perenne call di lavoro, tra freeze dello schermo, mal di schiena e bizzarri effetti collaterali nella vita di tutti i giorni è una delle tante condizioni che Maccio si ritroverà ad affrontare, cercando di districarsi tra mondo virtuale e reale. Ambientata a Roma in un futuro distopico alla “Black Mirror”, “Maccioverse” parla di tutti noi, di come cambieranno i nostri gusti, le nostre abitudini e i nostri sentimenti a causa della tecnologia: perché sarà pure vero che sta cambiando le nostre vite ma sempre più spesso ci rende dei veri scemi!

La Redazione