“Porco Rosso” compie 30 anni e torna al cinema per la prima volta anche in lingua originale

“Porco Rosso” compie 30 anni e torna al cinema per la prima volta anche in lingua originale

Trent’anni fa, nei cinema del Giappone, arrivava un film che sarebbe diventato campione d’incassi entrando nell’immaginario collettivo: “Porco Rosso” di Hayao Miyazaki. Per festeggiare l’importante traguardo, Lucky Red riporta al cinema il capolavoro dello Studio Ghibli dal 1 al 7 agosto in duplice versione: doppiato e, per la prima volta, in lingua originale con sottotitoli in italiano. Un’occasione unica per i fan e per chi sta scoprendo i capolavori di Miyazaki grazie alla rassegna “Un mondo di sogni animati”. Tratto dal manga Hikōtei jidai (“L’era degli idrovolanti”) di Miyazaki,Porco Rosso” è un inno alla vita, un omaggio all’Italia e un film che affronta temi attualissimi, denunciando i regimi e schierandosi politicamente, come afferma lo stesso protagonista con la frase ormai parte del linguaggio comune “Piuttosto che diventare un fascista meglio essere un maiale”.

Marco Pagot è un asso dell’aviazione militare italiana che, in seguito a un misterioso incidente durante la Prima Guerra Mondiale, assume per magia l’aspetto di un maiale antropomorfo. Con il nome di battaglia di Porco Rosso, a bordo del suo idrovolante vermiglio, decide di ritirarsi dal mondo militare e di guadagnarsi da vivere facendo il cacciatore di taglie. Ma l’arrivo del pilota americano Curtis, assoldato dai Pirati del Cielo, lo costringe a nuove battaglie sui cieli dell’Adriatico, continuando a combattere contro il Fascimo per la salvaguardia dell’umanità e per la riconquista di un perduto amore.

3 CURIOSITÀ SUL FILM

  • Porco Rossoè stato inizialmente pensato come un prodotto commissionato dalla Japan Airlines per l’intrattenimento a bordo dei propri aerei. Da sempre appassionato ed esperto di aviazione, Miyazaki decise di espandere il progetto fino a farlo diventare uno dei suoi film più importanti.
  • Molte ambientazioni del film esaltano l’amore del regista per l’Italia: dai panorami dell’Adriatico ai ponti sul fiume che ricordano il Po a Torino; dai Navigli di Milano all’isola dell’Hotel Adriano che rimanda ai paesaggi lacustri del Nord Italia. Ma anche i nomi di alcuni personaggi sono un omaggio al Bel paese: Ferrarin, che ricorda l’aviatore Arturo Ferrarin, o Bellini che riporta alla memoria il pilota Stanislao Bellini.
  • Il nome del protagonista, Marco Pagot, è un regalo del regista alla famiglia Pagot – nota per il suo lavoro nell’animazione italiana e la creazione di personaggi iconici come Grisù e Calimero – e a Marco Pagot, che ha lavorato con Miyazaki alla serie animata Il fiuto di Sherlock Holmes.

Prossimo e ultimo appuntamento con “Un mondo di sogni animati” dall’11 al 17 agosto con “Il castello errante di Howl”.

La Redazione