Giffoni 2022: Il sottosegretario Sibilia a #Giffoni2022: “Bello che il Festival sia tornato a gioia e forza degli anni scorsi”

Giffoni 2022: Il sottosegretario Sibilia a #Giffoni2022: “Bello che il Festival sia tornato a gioia e forza degli anni scorsi”

 Il ruolo dei Vigili del Fuoco in termini di tutela ambientale, di sicurezza, ma anche di studio e ricerca e l’importanza della prevenzione: sono questi i due termini dell’incontro con i ragazzi di Impact! alla quale hanno partecipato il regista del cortometraggio “Giulia e il Capoposto”, Antonio Maria Castaldo, il comandante dei Vigili del Fuoco di Salerno, Rosa D’Eliseo, il vice capo dipartimento nazionale dei Vigili del Fuoco, il Prefetto Rosa Guercio, ed il Sottosegretario all’Interno, onorevole Carlo Sibilia

Occasioni come questa” – ha detto il comandante Rosa D’Eliseo – “è un’occasione importante per incontrare i giovani. Il legame che abbiamo con i ragazzi è molto forte ed è importante perché abbiamo modo di dare informazioni sui temi della sicurezza e della prevenzione che resta il nostro obiettivo principale”.  L’importanza della comunicazione, è il punto da cui parte il Prefetto Guercio: “Stiamo cercando di essere” – ha detto – “più espansivi in questo senso verso l’esterno. C’è un’attività di studio e di ricerca molto importante che portiamo avanti anche in collaborazione con le Università con cui sigliamo protocolli d’intesa che contengono lo scambio di informazioni di grande rilievo. A me piace dire che i Vigili del Fuoco rappresentano lo studio di architettura e di ingegneria più grande d’Europa. C’è un lavoro dietro tutto questo che va conosciuto e che chiedo ai ragazzi di approfondire perché potrà portare ad una conoscenza più stimolante del corpo dei Vigli del Fuoco”.  E di comunicazione per i Vigili del Fuoco si occupa Antonio Maria Castaldo, regista del corto presentato oggi in Sala Lumiére: “Da vigile del fuoco in servizio” – ha detto – “ho deciso di occuparmi di comunicazione per i Vigli del Fuoco, creando contenuti con l’obiettivo di arrivare anche ad un pubblico diverso, contenuti che servono a raccontare la nostra storia o a dare informazioni utili. Oggi sono a Giffoni e mi sembra che quella scelta fatta un po’ di anni fa sia stata giusta”.

Sono felice di essere qui” – ha esordito il Sottosegretario Sibilia – “perché dopo gli anni della pandemia, vedo Giffoni tornare alla gioia e alla forza degli anni scorsi. Abbiamo presentato un cortometraggio che è ambientato nel Museo Storico dei Vigili del Fuoco di Mantova che vi invito a visitare con le vostre famiglie perché è utile a comprendere la storia del corpo e a rinsaldare ulteriormente il legame con i Vigli del Fuoco che è l’istituzione più amata d’Italia con oltre l’88% di gradimento. Perché gli italiani hanno così fiducia nei Vigili del Fuoco? Perché lavorano in squadra e perché sono dediti al sacrificio. Fate vostro questo approccio, anche se doveste fare altri lavori, portateli avanti con questo spirito”.

Il resto dell’incontro è stato utile per una panoramica su uno dei fenomeni che caratterizza in negativo l’estate in Italia, quella dei roghi, degli incendi. Tutti hanno sottolineato l’importanza della prevenzione, ma anche di sensibilizzare gli altri ad avere comportamenti responsabili, a partecipare attivamente con le attività di volontariato coordinate dai Comuni o dalle Regioni. Su questo i ragazzi possono fare molto, lo hanno ribadito i rappresentanti del corpo. “Stiamo facendo molto su questo versante” – ha concluso Carlo Sibilia – “in Campania abbiamo attivato il presidio rurale di Roscigno come abbiamo fatto in altre Regioni, quelle più a rischio. Abbiamo attivato accordi con le Regioni per un intervento più efficace. La strada vera è la prevenzione, ma anche avere un atteggiamento vigili, allertare chi di competenza per ridurre il rischio”.

A sorpresa l’omaggio del Sottosegretario Sibilia a Giffoni, il primo ciak utilizzato per girare il cortometraggio Angeli senza ali presentato nel corso della scorsa edizione del Festival:E’ in costruzione” – ha detto – “il Museo di Giffoni, credo che questo cimelio possa essere esposto qui”. A riceverlo il direttore generale di Giffoni, Jacopo Gubitosi: “Lo custodiremo come merita”.

La Redazione