Fondazione Cinema per Roma – Cinema al MAXXI: giovedì 30 giugno “Il buco” di Michelangelo Frammartino

Fondazione Cinema per Roma – Cinema al MAXXI: giovedì 30 giugno “Il buco” di Michelangelo Frammartino

Seconda settimana di programmazione per Cinema al MAXXI, la manifestazione – organizzata da Fondazione Cinema per Roma e MAXXI – che porta la settima arte in uno dei più importanti luoghi dedicati alle espressioni del contemporaneo.

Giovedì 30 giugno alle ore 21 presso la Piazza del MAXXI, nell’ambito del programma di Extra Explore e all’interno della manifestazione Estate al MAXXI, si terrà la proiezione de Il buco” di Michelangelo Frammartino, Premio Speciale della Giuria alla Mostra di Venezia. Con il suo nuovo lavoro, il regista milanese – che sarà protagonista di un incontro con il pubblico condotto da Mario Sesti, curatore di Cinema al MAXXI – continua a esplorare un cinema altro, fatto di composizioni mirabili delle immagini, paesaggi visionari del sublime, humour impalpabile e pensiero presocratico. Durante il boom economico degli anni ‘60, l’edificio più alto d’Europa viene costruito nel prospero nord Italia. All’altra estremità del Paese, nell’agosto del 1961, un gruppo di giovani speleologi visita l’altopiano calabrese e il suo incontaminato entroterra immergendosi nel sottosuolo di un Meridione che tutti stanno abbandonando. Scoprono così, coi suoi settecento metri di profondità, una delle grotte più profonde del mondo, l’Abisso del Bifurto nell’altopiano del Pollino, sotto lo sguardo di un vecchio pastore, unico testimone del territorio incontaminato.

“Per usare un termine cinematografico, potremmo dire che le grotte costituiscono un fuori campo assoluto, anche perché la notte eterna che regna al loro interno sembrerebbe quanto di più ostile alla macchina da presa” – ha spiegato Michelangelo Frammartino“Eppure, chi ama il cinema sa bene che il fuori campo, l’invisibile, rappresentano la sua “sostanza” più profonda. Mi colpisce la coincidenza che Speleologia, Cinema e Psicoanalisi abbiano il loro battesimo nella stessa data, il 1895”.

La proiezione del film sarà preceduta dal cortometraggio La torre d’avorio”, progetto di tesi di Silvia Lamacchia, alunna NABA. 

COME PARTECIPARE

I biglietti (al costo di 5 euro) si possono acquistare presso la biglietteria del MAXXI o su www.maxxi.archeoares.itIn caso di maltempo le proiezioni si terranno nell’Auditorium del MAXXI. Il programma potrebbe subire variazioni.

La decima edizione di Cinema al MAXXI è realizzata dalla Fondazione Cinema per Roma ed è prodotta con il MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo. La manifestazione si svolge in collaborazione con Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte, Spettacolo della Sapienza Università di Roma, NABA, Nuova Accademia di Belle Arti e SNNCI – Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani. Il programma di Cinema al MAXXI è a cura di Mario Sesti.

La Redazione