“Dirty Dancing”: il regista Jonathan Levine svela alcuni dettagli del sequel

“Dirty Dancing”: il regista Jonathan Levine svela alcuni dettagli del sequel

Come precedentemente annunciato, sarà Jonathan Levine, regista dietro la macchina da presa di  “Long Shot”, “Non succede, ma se succede…” e “Warm Bodies”, dirigerà l’attesissimo e confermato sequel di: “Dirty Dancing”, il cult che nel 1987, diretto da Emile Ardolino, che a fronte di un budget di 6 milioni di dollari ne incassò ben 200 al box office mondiale, con il brano portante “(I’ve Had) The Time of y Life”, di Bill Medley e Jennifer Warnes, vincitore di un Golden Globe, un Grammy e dell’Oscar per la Miglior Canzone Originale.

Ma non è tutto, dal momento che la allora protagonista Jennifer Grey, al fianco del compianto Patrick Swayze, interprete dell’affascinate e ribelle istruttore di ballo Johnny Castle, non solo produrrà esecutivamente bensì tornerà a vestire i panni di Frances Houseman alias ‘Baby’ in questo nuovo progetto, targato Lionsgate, che sarà presentato agli acquirenti al mercato di Cannes la prossima settimana.

Ovviamente, non è stata diffusa ancora alcuna informazione in merito alla trama, se non che la storia sarà ambientata negli anni ’90 e si tratterà di una storia d’amore di formazione. Al centro della scena l’esperienza di una ragazza durante un’estate al resort dei Kellerman, dove tornerà anche ‘Baby’. Due percorsi i loro, che si intrecceranno inevitabilmente e daranno vita ad una narrativa a più livelli.

Il film, intitolato sempre “Dirty Dancing”, è stato scritto dallo stesso Levine assieme a Elizabeth Chomko. Le riprese partiranno entro la fine dell’anno con il debutto previsto per il 2024, e il cast dovrebbe essere una combinazione di vecchi e nuovi nomi.

“Sebbene l’originale ‘Dirty Dancing’ sia sempre stato uno dei miei film preferiti, non avrei mai immaginato di dirigere il sequel. Attraverso la co-scrittura, mi sono innamorato dei personaggi (nuovi e vecchi), del mondo di Catskills New York degli anni ’90 e della musica, che spazierà dalle canzoni del film originale all’hip-hop degli anni ’90. Non vedo l’ora di collaborare con Jennifer per portare questa bellissima storia di estate, romanticismo e balli a una generazione di nuovi fan. E a quelli di lunga data, prometto che non rovineremo la tua infanzia. Affronteremo l’incarico con raffinatezza, ambizione e, soprattutto, amore” – ha affermato Levine a Deadline“La cosa più importante per noi era avere Jennifer a bordo. Lei è una collaboratrice preziosa. Cercheremo di coinvolgere dall’originale quante più persone, secondo quanto ci sembrerà appropriato. Vogliamo essere rispettosi in ogni modo possibile.”

In merito al personaggio di Patrick Swayze, Johnny, il regista ha rivelato che sarà in qualche modo presente, e che la produzione sta trattando con la famiglia dell’attore scomparso a causa di cancro.

“Johnny fa parte del viaggio di Baby nella storia. Questo film esiste in un dialogo con l’originale. Vogliamo presentare questa storia a una nuova generazione. Detto questo, l’assenza di Johnny incombe molto sulla storia, per questo è una storia di formazione nonché di una maturità per il personaggio di Baby in un certo senso.”

Per quanto riguarda le musiche invece, Levine ha dichiarato che spazierà dalle canzoni del film originale all’hip-hop anni ’90”, con la presenza inoltre dei brani di Alanis Morisette Liz Phair.

Commentando la nomina di Levine alla regia, Erin Westerman, presidente della produzione di Lionsgate, ha infine dichiarato: “Dirty Dancing è più di un film: è una pietra miliare culturale che continua a essere un rito di passaggio. Mentre ci avvicinavamo al capitolo successivo, sapevamo di dover onorare la profondità, la rilevanza e il calore dell’originale. Siamo stati fortunati ad avere Jennifer come nostra guida e siamo entusiasti di avere Jonathan al suo fianco al timone, perché tutto ciò che fa è strutturato e romantico: ci fa sempre venire la pelle d’oca.”

Nella storia originale la diciassettenne Baby trascorre delle noiose vacanze estive, assieme alla sua famiglia, nel resort a Catskills. Una situazione che si vivacizzerà nel momento in cui l’istruttore di danza del resort, Johnny, proporrà a Baby di partecipare con lui a un importante spettacolo, che farà si che i due si innamorino. Il padre di Baby però vieterà alla figlia di frequentare Johnny, ma lei è determinata ad aiutarlo ed eseguire insieme a lui l’ultimo grande ballo dell’estate.

FONTE DEADLINE