“Due donne al di là della legge”: il film di Raffaele Schettino arriverà al cinema il 19 maggio

“Due donne al di là della legge”: il film di Raffaele Schettino arriverà al cinema il 19 maggio

Arriverà al cinema il prossimo 19 maggio: “Due donne al di là della legge”, prodotto e distribuito da Groucho Cinema, seconda opera del regista romano originario di Frigento, Raffaele Schettino. Dopo lo speciale riconoscimento al WorldFest di Houston è arrivata in questi giorni anche la selezione ufficiale al New York Movie Awards. Lo scorso gennaio il film aveva già ottenuto in Italia il riconoscimento di “Film d’autore” dal Ministero della Cultura, ossia la qualifica di film d’essai, di una produzione e rappresentazione di notevole valore artistico e culturale.

Al festival di Houston – il terzo festival internazionale per grandezza e longevità negli USA – il regista ha già ricevuto altri premi. Nel 2016 la sua opera prima “Il mondo magico” ottenne il Platinum Remi Award mentre il cortometraggio “Tradimenti e magie” vinse ben due premi alla 52esima edizione, il Gold Remi per la regia e il Gold Remi per film storico.

“Due donne al di là della legge” è la storia di una famiglia italiana in un tempo passato, ma con una maturità sociale che oltrepassa i tempi attuali. Prende ispirazione da una storia vera.

Nell’Italia agraria di inizio Novecento, negli anni ’20 in un piccolo paese nel Meridione, un uomo (Donato – Raffaele Schettino) vive felicemente con la moglie (Anna – Mara Calcagni), ma si innamora di un’altra donna (Marisa – Sonja Birgit Berg), còrsa e da poco emigrata con la famiglia dalla Sardegna. Le due donne risolvono l’impasse in una convivenza a tre, alla luce del sole, e con la creazione di una famiglia allargata. Il piccolo paesino lentamente accetta la situazione, in nome dell’Amore e dell’Amicizia, negli anni burrascosi delle lotte contadine e operaie e in uno sfondo di magia contadina. Una storia tutta al femminile dove due donne rivoluzionano il sentire comune.

Il cast ha un respiro internazionale. Nelle vesti di attrici protagoniste Mara Calcagni e Sonja Birgit Berg, mentre tra gli attori non protagonisti figurano Luisa de Santis, Jean-Paul Denizon e Clara Galante. La verità delle relazioni umane è ricercata nell’interpretazione spontanea degli interpreti, mentre la tradizione rivive con canti e musiche del tempo giustapposte a musiche classiche e a musiche di genere psichedelico.

Il film è stato girato interamente in Italia e le ambientazioni sono state scelte tra la provincia di Latina (Fondi) e la città di Latina (presso Latina Film Commission), la provincia di Avellino (in Irpinia – Ariano Irpino, Frigento, Taurasi), la provincia di Teramo (Ortona de’ Marsi).

Ancora una volta un film di Schettino ha conquistato l’America con il suo carico di meraviglie, con il suo bagaglio di storie vere e di tradizioni orali, di magia e brillante semplicità.

La Redazione