“La Festa del Ritorno”: al via le riprese del film di Lorenzo Adorisio tratto dal romanzo di Carmine Abate

“La Festa del Ritorno”: al via le riprese del film di Lorenzo Adorisio tratto dal romanzo di Carmine Abate

Sono iniziate oggi le riprese del film LA FESTA DEL RITORNO”, opera prima di Lorenzo Adorisio, tratto dal romanzo “La Festa del Ritorno” di Carmine Abate (vincitore nel 2004 del Premio Selezione Campiello e il Premio Napoli).

La sceneggiatura è di Gualtiero RosellaAnnalisa Ruoppolo e Manuela Tovo.

Il film è una coproduzione italo-francese, ed è realizzato da Alba Produzioni per l’Italia, Gorilla Group e Leon Film per la Francia, in collaborazione con il Ministero della Cultura, Film Commission CalabriaLazio International e con il patrocinio dei Comuni di Cirò, Cirò Marina, Torre Melissa, Carfizzi e Crucoli.

Le riprese del film avranno una durata di 5 settimane di cui 4 settimane in Calabria e 1 settimana in Francia:

Il film sarà girato principalmente nell’entroterra della costa ionica calabrese del crotonese, e la maggior parte degli esterni saranno ambientati nella vasta e incantevole vallata incontaminata che si dispiega tra boschi, laghetti, ruscelli e antiche mulattiere e divide i paesi di Cirò, Carfizzi, Torre Melissa, Crucoli e Verzino mentre la zona Marina sarà ambientata a Cirò Marina.

La parte che racconta l’emigrazione del padre di Marco sarà ambientata in Francia.

“LA FESTA DEL RITORNO” è un racconto di formazione che racchiude in sè il rapporto tra padre e figlio, sospeso tra assenze e ritorni e l’incanto che nasce dallo sguardo di un bambino. Una preziosa testimonianza sulla nostra emigrazione.

Il cast artistico del film è costituito prevalentemente da attori Calabresi:

Alessio Praticò, Carlo Gallo, Anna Maria De Luca, Annalisa Insardà, Federica Sottile e per la prima volta sullo schermo il bambino Daniele Procopio.

Un figlio e un padre. Un ragazzino che, suo malgrado, decide di crescere in fretta, e prendere il suo posto, per difendere sua sorella. Un’infanzia vissuta libera e impetuosa. Un uomo costretto a emigrare per dare un po’ di benessere alla sua famiglia. Un amore vissuto lontano dal proprio paese, con un segreto da nascondere. La comunità degli albanesi d’Italia, con la loro lingua, e le loro tradizioni. Un paese del sud, immerso in una natura selvaggia, tra la montagna e il mare, dove crescere nella meraviglia di una terra dal carattere forte, piena di sapori, di struggimento e di rabbia. Infine, all’improvviso, uno sparo per rimettere in ordine il caos.

La Redazione