Forsythe/Inger/Blanc: dopo il debutto lo spettacolo rimane in scena fino al 3 marzo

Forsythe/Inger/Blanc: dopo il debutto lo spettacolo rimane in scena fino al 3 marzo

Alla ‘prima’ di Forsythe / Inger / Blanc di venerdì 25 febbraio la facciata del Costanzi si è illuminata di blu e giallo, i colori della bandiera, in segno di vicinanza al popolo ucraino. Il Teatro dell’Opera di Roma è contro qualsiasi guerra. Sulla scia di questo messaggio proseguono le repliche dello spettacolo in scena fino al 3 marzo. Il trittico di balletti affianca grandi nomi e nuovi titoli che vanno ad accrescere il repertorio del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma anche in ambito contemporaneo. Interpreti principali sono l’étoile Susanna Salvi, i primi ballerini Claudio Cocino, Michele Satriano e Alessio Rezza.

Apre il programma Herman Schmerman del geniale William Forsythe che, sulle musiche composte appositamente da Thom Willems, ha creato nel 1992 un balletto senza trama diviso in due atti, con il solo scopo di veder danzare ballerini talentuosi con i costumi disegnati da Gianni Versace.

La prima volta che ho ascoltato la frase Herman Schmerman” – ha raccontato Forsythe – “è stata nel film Il mistero del cadavere scomparso con Steve Martin. A mio parere è un titolo affascinante che non significa nulla. Anche questo balletto non significa nulla. È un pezzo sulla danza molto divertente. Si tratta unicamente di ballerini con talento che danzano, e questo è un bene, no?”.

Il balletto, mai andato in scena prima d’ora sul palcoscenico del Lirico Capitolino, è ripreso da José Carlos Blanco Martínez. Le luci sono di Tanja Rühl William Forsythe.

Il secondo titolo della serata è Walking Mad creato dallo svedese Johan Inger nel 2001 e già presentato a Roma nel marzo 2018.

Sulle note del Bolero di Ravel e di Für Alina di Pärt, Inger porta in scena un muro che divide, si muove e si apre generando spiragli di comunicazione.

Un viaggio pieno di sorprese e di svolte inattese” – spiega Inger – “Se lo guardate con attenzione, Walking Mad è un cerchio. Alla fine si ritorna all’inizio, ma qualcosa è cambiato, nello spirito, nell’energia. Siamo andati da qualcosa di colorato a qualcosa di grigio, di statico”.

Il balletto è ripreso da Yvan Dubreuil, le luci sono di Erik Berglund, scene e costumi dello stesso Inger.

In chiusura una prima assolutaFrom Afarnuova creazione per il Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma firmata dal coreografo Nicolas Blanc su musica di Ezio Bosso, i primi due movimenti della Sinfonia No.1 Oceans.

“From Afar” – spiega il coreografo francese attivo da tempo negli Stati Uniti – “parla di donne e uomini, di un’avventura umana, un’avventura di cuori e anime. È una storia che mette in relazione presenza e assenza, vicinanza e distanza. Attraverso questo viaggio penso all’effimero della vita, ma anche alla forza vitale dei corpi in movimento che seguono la marea oceanica della gloriosa sinfonia di Ezio Bosso”.

Le scene di questa nuova creazione sono di Andrea Miglio, i costumi di Anna Biagiotti, le luci di Fabrizio Marinelli.

Le musiche dello spettacolo sono su base registrata.

Dopo la “prima” di venerdì 25 febbraio, ore 20.00Forsythe / Inger / Blanc torna in scena sabato 26 (ore 18.00) e domenica 27 febbraio (ore 16.30), martedì 1 (ore 20.00), mercoledì 2 (ore 20.00) e giovedì 3 marzo (ore 20.00).

In programma anche la matinée di mercoledì 2 marzo (ore 11.00) riservata alle scuole.

La Redazione