Sundance Film Festival: cancellato l’evento in presenza, si svolgerà in forma virtuale

Sundance Film Festival: cancellato l’evento in presenza, si svolgerà in forma virtuale

A circa 15 giorni dal via dell’edizione 2022, in programma dal 20 al 30 gennaio l’atteso evento del Sundance Film Festival, a causa dell’aggravarsi dell’emergenza pandemica dovuta al rapido diffondersi dalla variante Omicron del Covid – 19, nei confronti del quale neanche i recenti annunciati protocolli di sicurezza sono sufficienti, non si terrà in presenza al Park City, bensì si svolgerà in forma virtuale. Un duro colpo questo ovviamente per le aziende, gli hotel e le attività di ristoro locali che contavano proprio su questo evento per un ritorno alla normalità e una boccata di respiro all’economia, fortemente provata dalle chiusure degli due anni.

“Nonostante i protocolli più ambiziosi, la variante Omicron con i suoi tassi di trasmissibilità inaspettatamente elevati sta portando ai limiti la sicurezza sanitaria dei viaggi e delle altre infrastrutture di tutto il paese. Questa è stata una decisione difficile da prendere” – ha dichiarato attraverso una nota l’organizzazione del Festival – “Come organizzazione no profit, il nostro spirito al Sundance è quello di far funzionare il tutto ad ogni costo. Ma con il numero di casi previsto che raggiungerebbe il picco nella nostra comunità ospitante nella settimana del festival, non possiamo consapevolmente mettere a rischio il nostro personale e la nostra comunità. Lo stress eccessivo dei servizi sanitari della Contea di Summit e dei nostri oltre 1.500 dipendenti e volontari sarebbe eccessivo in questo clima” – continua – “Negli ultimi giorni è diventato sempre più chiaro che questa è la decisione giusta da prendere per la cura e il benessere di tutta la nostra comunità. Anche se si tratta di una profonda perdita la mancanza dell’esperienza in presenza nello Utah, riteniamo che non sia sicuro né fattibile riunire migliaia di artisti, pubblico, dipendenti, volontari e partner da tutto il mondo mentre le comunità colpite stanno lottando per fornire i servizi essenziali” – aggiunge infine – “Anche se siamo delusi dal fatto di non poter fornire l’esperienza ibrida completa e di riunirci di persona come previsto, il pubblico quest’anno sperimenterà ancora la magia e l’energia del nostro Festival con nuovi film audaci e lavori XR, la scoperta di nuovi narratori, incontri diretti con artisti e un’innovativa piattaforma social accessibile a livello globale e uno spazio espositivo. La nostra comunità di partner aggiungerà anche una dimensione vibrante al festival con un ricco mix di conversazioni, dibattiti sui talenti ed eventi.”

FONTE DEADLINE