“The Lost City”: il Poster e il Trailer Ufficiale Italiano della commedia con Sandra Bullock e Channing Tatum al cinema ad aprile 2022

“The Lost City”: il Poster e il Trailer Ufficiale Italiano della commedia con Sandra Bullock e Channing Tatum al cinema ad aprile 2022

Come annunciato ieri con il rilascio delle Prime Immagini, ecco finalmente il Poster e il Trailer Ufficiale di “The Lost City”, la commedia romantica in stile de “All’inseguimento della Pietra Verde”, ricca di avventura e battute spiritose, che debutterà sul grande schermo il 21 aprile del 2022.

Scritto da Oren Uziel, Dana Fox e Adam e Aaron Nee, “The Lost of City D”, diretto da Adam e Aaron Nee, noti per la regia di alcuni videoclip, di titoli quali “Band of Robbers” e “The Last Romantic”, Loretta Sage (Sandra Bullock), solitaria scrittrice di successo, ha trascorso la sua carriera scrivendo popolari romanzi d’amore e di avventure ambientati in luoghi esotici. Il protagonista dei suoi racconti è il bellissimo modello di copertina Alan (Channing Tatum), che nelle pagine di questi libri incarna l’eroe “Dash”. Mentre è in tour per promuovere il suo nuovo libro con Alan, Loretta viene rapita da un eccentrico miliardario (Daniel Radcliffe) convinto che lei possa condurlo al tesoro dell’antica città perduta, descritta così bene nel suo romanzo. Alan, spinto dalla voglia di dimostrare a tutti che può essere un eroe anche nella vita reale, si mette in viaggio per salvarla. Coinvolta in un’epica avventura nella giungla, l’improbabile coppia sarà costretta ad andare d’accordo per sopravvivere, ma soprattutto per trovare l’antico tesoro prima che sia perso per sempre.

Basato su un’idea di Seth Gordon, a produrre il film sono stati quest’ultimo attraverso la sua Exhibit A Film, la Fortis Films di Sandra Bullock, e la 3dot Productions di Liza Chasin, con JJ Hook, Dana Fox, Julia Gunn e Margaret Chernin alla produzione esecutiva.

Il cast include i nomi di: Sandra Bullock, Channing Tatum, Daniel Radcliffe, Da’Vine Joy Randolph, Oscar Nuñez, Brad Pitt, Patti Harrison e Bowen Yang.

La Redazione