“Disenchanted”: il logo ufficiale del sequel in live action su Disney+ nell’autunno del 2022

“Disenchanted”: il logo ufficiale del sequel in live action su Disney+ nell’autunno del 2022

Le riprese della commedia musicale in live action Disney, “Disenchanted”, sequel del film nominato agli Oscar “Come d’incanto” diretto nel 2007 da Kevin Lima, come ben si sa sono terminate, e ieri nel corso del Disney+ Day è stato rivelato il logo ufficiale dell’atteso titolo che debutterà sul servizio streaming della Casa di Topolino nell’autunno del 2022.

Diretto da Adam Shankman (“Hairspray – Grasso è bello”, “Primo o poi mi sposo”) e prodotto da Barry Josephson (“Come d’incanto”, “Bones” per la TV), Amy Adams (“Arrival”, “American Hustle – L’apparenza inganna”) e Barry Sonnenfeld (“Men in Black”, “La famiglia Addams 2” (“Addams Family Values”), la lavorazione si è svolta in Irlanda, e “Disenchanted” vedrà  la sei volte candidata all’Oscar, Amy Adams, tronare a vestire i panni della protagonista Giselle, una donna ormai disillusa, ora sposata e residente a Monroeville, nonché di Patrick Dempsey (“Grey’s Anatomy”) in quello del marito, il cinico e pragmatico Robert Philip,James Marsden (“X-Men”) nel ruolo dell’affascinante ma sciocco principe Edward di Andalasia e Idina Menzel (“Frozen”) in quello di Nancy Tremaine, l’ex stilista ora sposata al principe Edward.

E ancora Maya Rudolph (“Saturday Night Live”) è Malvina, la nuova avversaria di Giselle a Monroeville; Kolton Stewart (“Un’azienda per gioco” (“Some Assembly Required”) di Nickelodeon) è il figlio di Malvina; Yvette Nicole Brown (“Lilli e il vagabondo”) veste i panni di Rosalyn; Jayma Mays (“Glee”) è Ruby e Oscar Nunez (“The Office”) è Edgar. Infine, la diciannovenne di Glen Rock, New Jersey, Gabriella Baldacchino fa il suo debutto in un lungometraggio nel ruolo di Morgan, la figlia ormai cresciuta di Robert Philip.

In Disenchanted” saranno presenti nuove canzoni di Alan Menken e Stephen Schwartz, il cui lavoro per “Come d’incanto” ha ottenuto tre nomination agli Academy Award.

© Riproduzione Riservata