“L’Arminuta”: sarà presentato in selezione ufficiale alla Festa del Cinema di Roma il film tratto dal romanzo di Donatella Di Pietrantonio – Poster e Trailer

“L’Arminuta”: sarà presentato in selezione ufficiale alla Festa del Cinema di Roma il film tratto dal romanzo di Donatella Di Pietrantonio – Poster e Trailer

Sarà presentato in Selezione Ufficiale alla Festa del Cinema di Roma, venerdì 15 ottobre, “L’Arminuta”, trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo bestseller vincitore del Premio Campiello 2017 di Donatella Di Pietrantonio edito da Einaudi.

Diretto da Giuseppe Bonito, regista di “Figli” (vincitore del Nastro d’Argento come miglior commedia), il film, nelle sale dal 21 ottobre e di cui vi presentiamo il Poster e il Trailer Ufficiale, porta sullo schermo la storia di una ragazzina di tredici anni costretta a lasciare la vita cui appartiene per ricongiungersi alla famiglia in cui è nata, passando da un mondo moderno e ricco ad una realtà rurale e ancora arcaica. Uno straniamento in cui l’Arminuta, ossia la ritornata, dovrà attraversare il senso di abbandono per arrivare a scoprire quello di appartenenza.

Una storia intensa e estrema che ha conquistato i lettori facendoli immedesimare in una ragazza che con rabbia e coraggio elabora dentro di sé il significato del rapporto genitori-figli, della maternità, dell’amore e dell’abbandono.

“Il film, così come il romanzo, racconta un anno di vita di questa ragazzina alle soglie dell’adolescenza, un periodo che segnerà la sua vita per sempre, in cui sperimenterà il dolore e la durezza ma anche l’amore, la dolcezza e la bellezza a tratti feroce che la vita riserva.

Mi piacerebbe che la narrazione restituisse soprattutto due cose: da un lato lo sguardo de l’Arminuta, che è testimone suo malgrado, e dall’altro il magma incandescente dei sentimenti laceranti che questa storia contiene.

L’Arminuta affronta una delle paure più profonde di ogni individuo, quella di perdere le persone dalle quali dipende la propria felicità ed è anche il racconto del contrasto tra il destino e la volontà dell’essere umano.” – Giuseppe Bonito

Una coproduzione Italo Svizzera. Roberto Sbarigia per Maro Film, Maurizio e Manuel Tedesco per Baires Produzioni, Javier Krause per Kaf con Rai Cinema. Il film è realizzato con il sostegno di Lazio Cinema International – Regione Lazio e Mic.

Estate 1975. Una ragazzina di tredici anni viene restituita alla famiglia cui non sapeva di appartenere. All’improvviso perde tutto della sua vita precedente: una casa confortevole e l’affetto esclusivo riservato a chi è figlio unico venendo catapultata in un mondo estraneo.

La Redazione