“Oltre il confine”, il racconto della storia di Ettore Castiglioni approda su CHILI

“Oltre il confine”, il racconto della storia di Ettore Castiglioni approda su CHILI

Arriva su CHILI, grazie alla distribuzione di Emera Film, “Oltre il confine”, il docu-film di Andrea Azzetti Federico Massa prodotto dalla trentina GiUMa produzioni, da Imago Film di Lugano, dall’Associazione Culturale Gooliver di Padova e coprodotto da RSI – Radiotelevisione Svizzera. Il documentario narra l’incredibile storia di Ettore Castiglioni, grande alpinista ed irrequieto scrittore, che trovò la sua ragione di vita nell’aiutare ed accompagnare verso il confine svizzero numerosi Ebrei e profughi in fuga dagli orrori della seconda guerra mondiale.

I due giovani registi debuttano con un’opera che vede la fondamentale collaborazione di Marco Albino Ferrari, uno dei maggiori esperti della figura di Castiglioni, interpretato in questo film da un magistrale Stefano Scandaletti, che indossa i sofferti panni del protagonista in una performance emozionante e coinvolgente. “Oltre il Confine” è una produzione Italo-Svizzera che ha potuto avvalersi di location incredibili a fare da sfondo alle vicende narrate: dalle Dolomiti a Berna, passando per Aosta, Trento ed alcuni dei più suggestivi paesaggi Elvetici ed Italiani. 

La figura di Ettore Castiglioni è ampiamente celebrata nel suo ruolo di alpinista, ma a risultare ancora più affascinante è la sua storia personale. Personaggio solitario e misterioso, la sua unica compagnia furono i suoi diari, ai quali narrava le sue vicende, rivelando una personalità complessa: da un lato un uomo colto dall’animo nobile e di una forza di volontà straordinaria. Dall’altro un sognatore introverso, incapace di aprirsi all’altro da sè. La sua storia è quella di un’evoluzione personale, raggiungibile solo attraverso una sfida con se stessi e le proprie paure, in un’incessante crescita in cui gli umani imparano dai loro stessi limiti.

Dal suo debutto, “Oltre il Confine” è riuscito ad aggiudicarsi numerosissimi premi e riconoscimenti da parte della critica di festival e manifestazioni in tutto il mondo: alla sua prima uscita ufficiale ad un festival si è aggiudicato il Premio Città di Imola come miglior Film Italiano al Trento Film Festival. In quasi un anno dal suo debutto al Film Festival di Trento ha partecipato a più di 60 tra eventi, festival e rassegne in quasi tutto il mondo tra cui il celebre Banff Mountain Film Festival in Canada. È andato inoltre in onda sul canale La2 della RSI – Radiotelevisione Svizzera e risulta essere il documentario italiano più premiato del 2017 secondo il sito cinemaitaliano.info con ben 11 riconoscimenti. Pluripremiata è anche la troupe che ha partecipato alla realizzazione del documentario, ad occuparsi delle musiche del lungometraggio è lo svizzero Zeno Gabaglio, mentre invece del montaggio si è occupato il talentuoso Benni Atria.

La Redazione