“Spirit il Ribelle”: il Poster e il Trailer Italiano della nuova animazione Dreamworks

“Spirit il Ribelle”: il Poster e il Trailer Italiano della nuova animazione Dreamworks

Diffuso dalla Universal Pictures il Primo Poster e il Trailer Ufficiale di “Spirit il Ribelle”, la nuova animazione targata Dreamworks Animation, sequel del titolo del 2002 “Spirit; Cavallo Selvaggio”, approderà sul grande schermo delle sale italiane il prossimo 17 giugno.

Diretto da Elaine Bogan, dietro la macchina da presa di “Trollhunters: Tales of Arcadia”, ed Ennio Torresan, il cast delle voci originale del film include i nomi di: Isabela Merced, Julianne Moore, Jake Gyllenhaal, Marsai Martin, Mckenna Grace, Andre Braugher, Walton Goggins ed Eiza González.

“Spirit il Ribelle”: il Poster e il Trailer Italiano della nuova animazione Dreamworks

Lucky Prescott non ha mai conosciuto veramente la sua defunta madre, Milagro Navarro, un’impavida stuntman cavallerizza di Miradero, una piccola città ai confini della frontiera. Come sua madre, Lucky non è esattamente una fan delle regole e delle restrizioni, e questo ha causato a sua zia Cora non poche preoccupazioni. Lucky è cresciuta in una città della Costa Orientale degli Stati Uniti sotto l’occhio vigile di Cora, ma quando Lucky sfida la sorte con avventure rischiose, Cora alza la posta in gioco e decide di trasferirsi con la nipote dal padre di Lucky, Jim, a Miradero.
Lucky è indifferente alla quiete cittadina. Cambia idea quando incontra Spirit, un Mustang ribelle che condivide la sua vena indipendente, e fa amicizia con due cavallerizze del posto, Abigail Stone e Pru Granger. Il padre di Pru, Al Granger, il proprietario della scuderia, è il migliore amico del padre di Lucky. Quando un addestratore di cavalli senza cuore e la sua squadra pianificano di catturare Spirit e la sua mandria e metterli all’asta per una vita di prigionia e duro lavoro, Lucky riunisce i suoi nuovi amici e si imbarca coraggiosamente in questa avventura per salvare il cavallo che le ha dato libertà e uno scopo, e che l’ha aiutata a scoprire un legame con l’eredità di sua madre e con la sua eredità messicana, che non si sarebbe mai aspettata.

La Redazione