“Better Man”: sarà Michael Gracey a dirigere il biopic su Robbie Williams

“Better Man”: sarà Michael Gracey a dirigere il biopic su Robbie Williams

Michael Gracey, regista dietro la macchina da presa di “The Greatest Showman”, dirigerà il biopic dedicato al celebre cantante Robbie Williams intitolato “Better Man”.

Scritto da Gracey assieme a Oliver Cole e Simon Gleeson, il progetto è nato in seguito ad una serie di lunghe conversazione avvenute tra il cineasta e Williams, e sarà presentato agli acquirenti del prossimo European Film Market di Berlino.

Al centro della scena l’ascesa della star, ex componente del gruppo dei Take That, e la lotta di questo con i demoni interiori emersi una volta raggiunto l’enorme successo grazie a brani come “Angels”. Il film tra l’altro, includerà anche alcune nuove versioni delle canzoni della band sopracitata ed eseguite ovviamente da Williams.

“Al momento non posso rivelare nulla in merito alla presenza o al modo in cui sarà rappresentato Robbie nel film” – ha dichiarato Gracey“Lo farò però in modo davvero originale. Ricordo quando andavo al cinema da bambino e c’erano dei film che mi lasciavano senza fiato facendomi esclamare ‘Non l’ho mai visto prima’. Voglio che il pubblico nel guardare questa storia sul grande schermo provi quella stessa emozione e pensi di non aver mai visto una cosa del genere. Posso solo dire che l’obiettivo è proprio quello di suscitare la sensazione che ho appena descritto. Si tratta di una storia fantastica e voglio mostrarla in tutta la sua dura realtà anche attraverso momenti di pura fantasia.”

Gracey prosegue dicendo che saranno evidenziate la personalità, l’ambizione e le insicurezze di Williams, e che non sarà un film simile a “Bohemian Rhapsody” e “Rocketman”, in cui si è raccontato il modo in cui il mondo ha scoperto il grande genio musicale di Freddie Mercury e Elton John.

“A differenza di artisti nati prodigi o geni musicali, e la cui narrazione ne ha seguito il percorso verso la fama, questa storia non sarà così. Robbie è un uomo qualunque, che ha semplicemente sognato in grande e ha seguito quei sogni che l’hanno portato in un posto incredibile. Per questo motivo, la sua è una storia in cui tutti si possono identificare. Non è il miglior cantante o ballerino, eppure è riuscito a vendere 80 milioni di dischi in tutto il mondo. Ci si può immedesimare in un ragazzo che non vede in sé alcun talento straordinario, anche se ovviamente lo ha. Ciò che aveva erano la volontà, la visione e la fiducia nel dire ‘seguirò il mio sogno’. Sarà anche un modo per riflettere su cosa sarebbe accaduto nel caso in cui avessimo seguito il nostro sogno impossibile o cosa potrebbe accadere se decidessimo di farlo.”

L’inizio delle riprese è stato fissato per questa estate e a produrre saranno Jules Daly per la Big Red Films, Craig McMahon per la McMahon International e dallo stesso Gracey.

FONTE DEADLINE