“The Black Phone”: Ethan Hawke protagonista dell’adattamento horror targato Blumhouse

“The Black Phone”: Ethan Hawke protagonista dell’adattamento horror targato Blumhouse

Come annunciato sarà Scott Derrickson, regista dietro la macchina da presa di “Sinister”, “L’Esorcismo di Emily Rose” nonché del cinecomic Marvel “Doctor Strange”, a dirigere “The Black Phone”, adattamento cinematografico, targato Blumhouse e Universal, dell’omonimo secondo breve racconto del 2005 di Joe Hill, figlio di Stephen King, incluso in Italia nell’antologia “Ghost” pubblicata da Sperling & Kupfer 4 anni più tardi.

Rifacimento prodotto da Derrickson, Cargill e Jason Blum per Blumhouse, con Hill alla produzione esecutiva, che vedrà proprio Jason Blum tornare a collaborare con Ethan Hawke, il quale è entrato a far parte ufficialmente del progetto, unendosi agli annunciati: Mason Tahmes, Madeleine McGraw e Jeremy Davies.

La sceneggiatura è stata scritta dallo stesso Derrickson assieme al collaboratore di lunga data C. Robert Cargill.

Al centro della scena, che non risparmierà orrore e violenza e otterrà sicuramente un rating essendo adatto per un pubblico adulto, il piccolo John Finney, rapito e chiuso in un seminterrato, dove la notte riceve delle terrificanti chiamate, dai bambini precedentemente uccisi, da un telefono nero disconnesso.

FONTE VARIETY