“Perfetti Sconosciuti”: in arrivo il remake in lingua araba diretto da Wissam Smayra

“Perfetti Sconosciuti”: in arrivo il remake in lingua araba diretto da Wissam Smayra

Come riportato e confermato da Variety, dopo il remake americano, e non solo, e in arrivo anche l’adattamento arabo del film di Paolo Genovese “Perfetti Sconosciuti”, che vedrà tra gli interpreti Nadine Labaki, regista libanese alla guida di “Cafarno” e “Caramel”, e dietro la macchina da presa l’esordiente Wissam Smayra, autore della sceneggiatura assieme a Gabriel Yammine.

L’inizio delle riprese è stato fissato per il 2 febbraio 2021 con il rilascio previsto entro il quarto trimestre del medesimo anno in tutto il Medio Oriente. Il film, ambientato in Libano nel bel mezzo degli attuali tumulti politici ed emergenza pandemica da Covid – 19, sarà prodotto dalla società egiziana Film Clinic, e co – prodotto dalla compagnia di distribuzione con sede a Dubai Front Row Filmed Entertainment, assieme alla libanese Empire International.

Faranno parte del cast anche: Mona Zaki, Eyad Nassar, Diamand Bou Abboud, Adel Karam Georges Khabbaz.

Il film originale italiano, prodotto da Medusa Film, Leone Film Group e Lotus Productions, ha incassato a livello nazionale oltre 31 milioni di euro, ed è stato protagonista di circa una dozzina di rifacimenti tra cui quello francese, tedesco, spagnolo, greco e della Corea del Sud che hanno raggiunto a livello mondiale ben 270 milioni.

Al centro della scena un gruppo di amici di vecchia data che nel corso di una cena decide di condividere messaggi e telefonate in arrivo sui cellulari di ognuno. Gioco che farà emergere segreti e bugie che metteranno a rischio gli equilibri di anni.

“Il 2020 è stato un anno scoraggiante per tutti, ma vedere la convinzione, l’impegno e l’entusiasmo di tutti per questo fantastico progetto dà a tutti noi una quantità infinita di positività” – ha dichiarato Mario Jr. Haddad, Presidente di Empire International.

“Il Medio Oriente non ha mai prodotto un film panarabo di successo, poiché il pubblico è diverso in ogni paese. Ma grazie all’ambientazione autonoma del film e all’unione di talenti egiziani e libanesi nelle vesti di amici di lunga data, speriamo di rompere questo schema dando il via ad una nuova tendenza nel cinema arabo” – ha aggiunto Gianluca Chakra, CEO di Front Row.

FONTE VARIETY