Ellen Page annuncia: “Sono transgender e il mio nome è Elliot”

Ellen Page annuncia: “Sono transgender e il mio nome è Elliot”

Ellen Page, nominata all’Oscar per “Juno” ed interprete di Vanya nella serie Netflix “The Umbrella Academy”, dopo il coming out del 2014, ed il matrimonio con la ballerina Emma Portner nel 2018, attraverso il proprio profilo Instagram ha annunciato di essere transgender e di aver cambiato ufficialmente il nome in Elliot.

“Ciao amici, voglio condividere con voi che sono trans, i miei pronomi sono lui / loro e il mio nome è Elliot. Mi sento fortunato a scrivere questo. Essere qui. Di essere arrivato a questo punto della mia vita. Provo un enorme gratitudine per le persone incredibili che mi hanno sostenuto in questo viaggio. Non riesco a esprimere quanto sia straordinario amare finalmente me stesso abbastanza per perseguire il mio vero io. Sono stato continuamente ispirato da così tante persone nella comunità trans. Grazie per vostro coraggio, la vostra generosità ed il lavoro incessante per rendere questo mondo un luogo più inclusivo e compassionevole. Offrirò tutto il sostegno possibile e continuerò a lottare per una società più amorevole ed equa.

Adoro il fatto di essere trans. E adoro il fatto di essere queer. E più mi tengo vicino e abbraccio pienamente chi sono, più sogno, più il mio cuore cresce e più prospero. A tutte le persone trans che ogni giorno affrontano molestie, disprezzo di sé, abusi e minacce di violenza: vi vedo, vi amo e farò tutto il possibile per cambiare questo mondo in meglio.”

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da @elliotpage

Page valorizzando l’uso dei pronomi lui/loro sottolinea ulteriormente la propria identità ne donna ne uomo.

Nick Adams, Direttore di Transgender Media di GLAAD, ha dichiarato: “Elliot Page ci ha regalato personaggi fantastici sullo schermo ed è stato un schietto difensore di tutte le persone LGBTQ. Ora sarà un’ispirazione per innumerevoli persone trans e non binarie. Tutte le persone transgender meritano la possibilità di essere se stesse e di essere accettate per quello che sono. Celebriamo oggi la straordinaria Elliot Page.”

FONTE VARIETY