Oscar 2021: “Notturno” di Gianfranco Rosi è il film scelto per rappresentare l’Italia nella categoria International Feature Film Award

Oscar 2021: “Notturno” di Gianfranco Rosi è il film scelto per rappresentare l’Italia nella categoria International Feature Film Award

La Commissione di selezione per il film italiano da designare agli Oscar, istituita dall’ANICA lo scorso luglio su incarico dell’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences, riunita davanti a un notaio e composto da: Nicola Borrelli, Simone Gattone, Paolo Genovese, Carlo Poggioli, Cristina Priarone, Gloria Satta e Baba Richerme, ha votato “Notturno” di Gianfranco Rosi quale film che rappresenterà l’Italia alla 93esima edizione degli Academy Awards nella selezione per la categoria “International Feature Film Award”.

“Notturno” concorrerà per la shortlist che includerà i dieci film internazionali selezionati dall’Academy e che sarà resa nota il 9 febbraio 2021.

L’annuncio delle nomination, la cinquina dei film nominati per concorrere al premio, è previsto per il 15 marzo 2021 mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles il 25 aprile 2021.

Gianfranco Rosi, Leone d’Oro con “Sacro Gra”, Orso d’Oro e Nomination agli Oscar con “Fuocoammare”, con “Notturno”, girato nel corso di tre anni trascorsi sui confini fra Siria, Iraq, Kurdistan, Libano, dà voce ad un dramma umano che trascende le divisioni geografiche e il tempo dei calendari; illumina, attraverso incontri e immagini, la quotidianità che sta dietro la tragedia continua di guerre civili, dittature feroci, invasioni e ingerenze straniere, sino all’apocalisse omicida dell’ISIS. Storie diverse, alle quali la narrazione conferisce un’unità che va al di là dei confini. La guerra non appare direttamente: la sentiamo nei canti luttuosi delle madri, nei balbettii di bambini feriti per sempre, nella messinscena dell’insensatezza della politica recitata dai pazienti di un istituto psichiatrico. Un cantore di strada intona le lodi dell’Altissimo. Un bracconiere fra i canneti e i pozzi di petrolio. La grazia delle guerrigliere peshmerga. I terroristi dello Stato Islamico in carcere. L’angoscia di una madre yazida per la figlia prigioniera. Alì, adolescente, che fatica per portare il pane ai suoi fratelli… Tutt’intorno, e dentro le coscienze, segni di violenza e distruzione: ma in primo piano è l’umanità che si ridesta ogni giorno da un notturno che pare infinito. “Notturno” è un film di luce dai materiali oscuri della storia.

La Redazione