“Black Panther”: la produzione al via nel 2021 senza T’Challa di Boseman

“Black Panther”: la produzione al via nel 2021 senza T’Challa di Boseman

Lo scorso agosto come ben si sa, il mondo dell’MCU e cinematografico è stato sconvolto dalla prematura ed improvvisa scomparsa di Chadwick Boseman. L’attore infatti, dopo una lunga lotta contro un cancro al colon, che lui stesso ha tenuto nascosto continuando a lavorare con forza e tenacia, se ne è andato a solo 42 anni.

Una perdita che ovviamente ha fatto sorgere dubbi e perplessità non solo sulla possibile direzione dell’atteso sequel del cinecomic campioni d’incassi “Black Panther”, in cui Boseman era il volto iconico del protagonista, bensì, soprattutto, su chi sarebbe subentrato vestendone gli artigli.

A tal proposito, nonostante i dettagli siano ancora tenuti accuratamente nascosti, la notizia certa, secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter, è che i Marvel Studios daranno ufficialmente il via alla produzione del secondo capitolo a luglio del 2021 ad Atlanta, con il debutto delle sale previsto per il 2022/2023, e Boseman, come affermato dal vicepresidente esecutivo dei Marvel Studios Victoria Alonso, non verrà riportato in vita tramite gli effetti della CGI, nonostante i probabili riferimenti che condurranno naturalmente a lui.

Ma non è tutto, dal momento che il cast, guidato come il precedente primo capitolo da Ryan Coogler, il quale si occuperà anche della sceneggiatura, oltre al ritorno di Lupita Nyong’o, Winston Duke, Angela Bassett e Letitia Wright interprete di Shuri la quale si ipotizza essere la nuova leader, potrebbe arricchirsi ulteriormente con l’arrivo della star di “Narcos: Messico”, Tenoch Huerta, attualmente in trattative per il ruolo dell’antagonista principale.

FONTE THR