“Enola Holmes”: il regista Harry Bradbeer vorrebbe dare vita ad un franchise

“Enola Holmes”: il regista Harry Bradbeer vorrebbe dare vita ad un franchise

A pochi giorni di distanza dal debutto su Netflix, lo scorso 23 settembre, e dal successo ottenuto, “Enola Holmes”, adattamento filmico del libro “The case of missing marquess”, pubblicato nel 2006, parte della serie di romanzi, composta da 6 racconti, “Enola Holmes Mysteries” di Nancy Springer”, nominata due volte agli Edgar Awards, il desiderio del regista Harry Bradbeer, sarebbe quello di dare ad un franchise.

“Spero di avere la forza e l’energia per dare vita ad un’impresa del genere. Sarebbe straordinario e meraviglioso riuscire a dare vita ad almeno cinque film. Ci sono tante storie da raccontare ed ambientate in quel periodo. Ovviamente, sarebbe anche un modo per analizzare tutte le splendide conquiste tecnologiche cui è andata incontro la società nel 19esimo secolo.”

Ciò nonostante, al momento non è stata rilasciata alcuna conferma in merito ad un possibile secondo capitolo, ma Bradbeer ha proseguito affermando di avere molta fiducia e svelando l’intenzione di voler sviluppare il personaggio della madre di Enola, dal volto di Helena Bonham Carter.

“È un personaggio straordinario con tanti segreti da scoprire, e se ci rivedremo avremo ancora molti misteri da analizzare all’interno di questa famiglia disfunzionale. Tutto si poggerà sulla storia del paese, della costituzione, sullo sviluppo della nostra democrazia, dei diritti umani e delle donne. Penso che sia una scena molto matura da coltivare, poiché se hai un film d’avventura con qualcosa di interessante da dire moralmente, tutto si arricchisce.”

Ma Baradbeer non è l’unico a sperare in un seguito, anche l’interprete protagonista Millie Bobby Brown infatti ha grandi speranze affinché il progetto si realizzi. D’altronde, in primo luogo, “Enola Holmes” è un veicolo per lo status divistico della giovane star di “Stranger Things”, sempre più legata al gigante del Video on Demand.

Scritto da Jack Thorne, autore della serie “Queste Oscure Materie”, in “Enola Holmes”, vede Enola, dopo aver chiesto aiuto ai fratelli Sherlock, Henry Cavill, e Mycroft, Sam Claflin, fuggire a Londra alla ricerca della madre misteriosamente scomparsa il giorno del suo 16esimo compleanno. Nel corso delle indagini però la ragazza si troverà coinvolta in una cospirazione che potrebbe cambiare per sempre la situazione politica.

A produrre sono stati la PCMA di Millie Bobby Brown e della sorella Paige, Mary Parent, Alex Garcia, Ali Mendes, con Bradbeer, Joshua Grode e Michael Dreyer, di Legendary”, alla produzione esecutiva. Il cast include: Fiona Shaw e Adeel Akhtar.

FONTE MOVIEWEB