“Last Night in Soho”: la Nuova Immagine del thriller psicologico diretto da Edgar Wright

“Last Night in Soho”: la Nuova Immagine del thriller psicologico diretto da Edgar Wright

Inizialmente atteso per il 25 di settembre 2020, il thriller psicologico diretto da Edgar Wright, “Last Night in Soho”, a causa dell’emergenza pandemica da Covid – 19, che ha impedito al regista di “Baby Driver” di terminare il lavoro relativo alla post produzione, è slittato al 23 aprile 2021.

Il film prodotto da Working Title, di cui Empire Magazine ha diffuso una nuova immagine e dedicato uno speciale nel suo nuovo numero, verrà distribuito in tutto il mondo dalla Universal Pictures.

last-night-in-soho-exclusive

Leggi anche: “Last Night in Soho”, il thriller psicologico di Edgar Wright debutterà nel 2021

Scritta da Krysty Wilson – Cairns assieme a Wright, il quale ha rivelato di aver scelto Soho dopo essersi reso conto di non aver mai raccontato quella zona di Londra, la storia ambientata nell’elegante quartiere londinese di Soho, seguirà la vicenda dell’aspirante stilista Eloise, la quale si ritroverà misteriosamente catapultata nella Londra degli anni ’60, dove pur incontrando il suo idolo, la giovane cantante Sandy, ben presto si renderà conto che nulla è come sembra.

Leggi anche: “LAST NIGHT IN SOHO”: Prima Immagine Ufficiale del thriller di Edgar Wright

“Sarà molto diverso dagli altri miei film” – ha dichiarato Wright al Magazine“Mi sono sempre piaciuti i film che bruciano lentamente trasformandosi in qualcos’altro, e molti dei miei film hanno questa caratteristica. Last Night ha inizio in un regno più psicologico, e man mano che si sviluppa diviene sempre più intenso. Mi piace gravitare intorno alla realizzazione di film di generi di cui sento la mancanza, e c’è un certo tipo horror psicologico che appartiene agli anni ’60 e ’70 che possiede una natura operistica, ed io sto usando quella grammatica visiva “.

Nel cast: Anya Taylor – Joy, Thomasin Harcourt McKenzie, Matt Smith, Michael Ajao, Synnøve Karlsen, Diana Rigg, Terence Stamp e Rita Tushingham.

FONTE EMPIRE MAGAZINE