“Cena con Delitto/Knives Out”, la Recensione dell’intrigante, sagace e ironico crime con Daniel Craig e Chris Evans

“Cena con Delitto/Knives Out”, la Recensione dell’intrigante, sagace e ironico crime con Daniel Craig e Chris Evans

Brillante, accattivante, imprevedibile, ironico e tagliente. Questi sono solo alcuni degli ingredienti utilizzati dal regista Rian Johnson, dietro la macchina da presa, nonchè autore dello script, di “Star Wars: L’Ultimo Jedi”, per dare vita al suo intrigante mistery “Cena con Delitto/Knives Out”.

Un omaggio acuto e vivace che il regista ha voluto fare ai classici racconti gialli di Agatha Christie, sviluppato e costruito minuziosamente non lasciando nulla al caso. Ad ogni azione corrisponde una reazione, così come ad ogni azione/reazione corrisponde una fondata e razionale motivazione che spinge i vari personaggi ad agire in un determinato modo. Una storia dalla sopraffina trama, che nel momento in cui sembra porre su un piatto d’argento la soluzione, in realtà sta semplicemente rimescolando, con estrema intelligenza, le carte in tavola, alimentando la curiosità di uno spettatore sempre più preso dall’irriverente ed illusorio crime. Crollano le certezze e sicurezze acquisite, così come ogni elemento e falso egoistico equilibrio, del particolare groviglio familiare, viene nuovamente messo in discussione.

“Mia la casa. Mie le regole. Mio il Caffe”

Un quadro senza alcun dubbio affascinante, che ruota attorno all’inspiegabile suicidio/omicidio dell’agiato scrittore di romanzi polizieschi Harlan Thrombey, avvenuto la sera del suo 85esimo compleanno, ed in cui saranno coinvolti tutti i numerosi, ed alquanto variopinti, membri familiari presenti la sera dei festeggiamenti.

Figure differenti per età e stile di vita, i quali riveleranno la rispettiva subdola natura conflittuale e psicologica, se pur spassosa, instabilità, il fatidico giorno della lettura del testamento. Quando infatti, scopriranno che l’uomo ha donato ogni suo bene alla giovane infermiera Marta, le loro ire si scateneranno dando il via ad una serie di tanto spregevoli quanto divertenti eventi rompicapo, resi ancora più maliziosi e stuzzicanti, dai dialoghi originali di una narrazione dall’apparente struttura tradizionale ricca di colpi di scena, che non solo faranno emergere le nevrosi di ciascun avido componente, dalle caratteristiche estremamente attuali, bensì terranno il pubblico incollato alla sedia conducendolo ad un sorprendente finale.

Personaggi che racchiudono parte della forza di questo sofisticato e al contempo moderno giallo, descritti accuratamente ed interpretati da un cast stellare.

Da Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Michael Shannon a Don Johnson, Toni Collette, LaKeith Stanfield, Katherine Langford. E ancora Jaeden Martell, Frank Oz, Riki Lindhome, Edi Patterson, Noah Segan e Christopher Plummer, senza dimenticare naturalmente gli impeccabili Chris Evans e Daniel Craig, vero mattatore nel ruolo del carismatico del tipico detective dai modi inglese Benoit Blanc, simile per molti aspetti al celebre paffuto investigatore della Christie Ercule Poirot, incaricato, da uno sconosciuto cliente, di indagare e scoprire il colpevole.

Descritti con novizia di particolari, emergono individualmente con determinazione ed incisione, senza sovrastare ma rispettando lo spazio dell’altro. Contribuendo ad arricchire e completare una visione oltremodo convincente, per ritmo, impianto stilistico e humor sagace.

“Volevo fosse davvero un film moderno, divertente, pieno di idee nuove e di intrighi. Ma soprattutto incentrato sulle dinamiche familiari” – Rian Johnson

“Cena con Delitto/Knives Out”, film di chiusura della 37esima edizione del Torino Film Festival, arriverà nelle sale cinematografiche il 5 dicembre distribuito da 01 Distribution.

© Riproduzione Riservata

Emanuela Giuliani