fbpx
Oscar 2020: i 93 film in competizione per entrare nella cinquina finale della categoria Miglior Film Straniero

Oscar 2020: i 93 film in competizione per entrare nella cinquina finale della categoria Miglior Film Straniero

Oscar 2020: i 93 film in competizione per entrare nella cinquina finale della categoria Miglior Film Straniero

L’Academy Award season è ufficialmente iniziata e ben 93 film sono in competizione per ottenere un posto ed entrare nella fatidica cinquina della categoria Miglior Film Straniero.

La lista include ovviamente produzioni provenienti da ogni parte del globo, e tra i titoli principali troviamo “Parasite” di Bong Joon Ho, vincitore della Palma D’Oro al recente Festival di Cannes, “Pain and Glory”, di Pedro Almodovar, “Les miserables”, proposto dalla Francia e distribuito da Amazon, “Atlantics”, di Mati Diop, affermatasi come la prima donna di colore ad essere inclusa nel concorso di Cannes e ad aver vinto il Grand Prix, “The Boy Who Harnessed the Wind”, in rappresentanza della Gran Bretagna diretto da Chiwetel Ejiofor, e “Il Traditore”, di Marco Bellocchio, acclamato a Cannes 2019.

La selezione sarà ridotta a 10 film, che verranno comunicati il prossimo 16 dicembre, mentre le saranno annunciate il 13 gennaio 2020, a quel punto non ci resterà che attendere la cerimonia del 9 febbraio.

DI SEGUITO LA LISTA COMPLETA IN ORDINE ALFABETICO SECONDO IL PAESE DI PROVENIENZA

Albania, “The Delegation”, di Bujar Alimani
Algeria, “Papicha”, di Mounia Meddour
Argentina, “Heroic Losers”, di Sebastián Borensztein
Armenia, “Lengthy Night”, di Edgar Baghdasaryan
Australia, “Buoyancy, di Rodd Rathjen
Austria, “Joy”, di Sudabeh Mortezai
Bangladesh, “Alpha”, di Nasiruddin Yousuff
Bielorussia, “Debut, di Anastasiya Miroshnichenko
Belgio, “Our Mothers”, di César Díaz
Bolivia, “I Miss You”, di Rodrigo Bellott
Bosnia and Herzegovina, “The Son”, di Ines Tanovic
Brasile, “Invisible Life”, di Karim Aïnouz
Bulgaria, “Ága”, di Milko Lazarov
Cambogia, “In the Life of Music, di Caylee So, Sok Visal
Canada, “Antigone”, di Sophie Deraspe
Chile, “Spider, di Andrés Wood
China, “Ne Zha”, di Yu Yang
Colombia, “Monos”, di Alejandro Landes
Costa Rica, “The Awakening of the Ants”, di Antonella Sudasassi Furniss
Croazia, “Mali”, di Antonio Nuic
Cuba, “A Translator”, di Rodrigo Barriuso, Sebastián Barriuso
Repubblica Ceca, “The Painted Bird”, di Václav Marhoul
Danimarca, “Queen of Hearts”, di May el-Toukhy
Repubblica Domenicana, “The Projectionist”, di José María Cabral
Ecuador, “The Longest Night”, di Gabriela Calvache
Egitto, “Poisonous Roses”, di Ahmed Fawzi Saleh
Estonia, “Truth and Justice”, di Tanel Toom
Ethiopia, “Running Against the Wind”, di Jan Philipp Weyl
Finlandia, “Stupid Young Heart”, di Selma Vilhunen
Francia, “Les Misérables”, di Ladj Ly
Georgia, “Shindisi”, di Dimitri Tsintsadze
Germania, “System Crasher”, di Nora Fingscheidt
Ghana, “Azali, di Kwabena Gyansah
Grecia, “When Tomatoes Met Wagner”, di Marianna Economou
Honduras, “Blood, Passion and Coffee”, di Carlos Membreño
Hong Kong, “The White Storm 2 Drug Lords”, di Herman Yau
Ungheria, “Those Who Remained”, di Barnabás Tóth
Islanda, “A White, White Day”, di Hlynur Pálmason
India, “Gully Boy”, di Zoya Akhtar
Indonesia, “Memories of My Body”, di Garin Nugroho
Iran, “Finding Farideh”, di Azadeh Moussavi, Kourosh Ataee
Irlanda, “Gaza”, di Garry Keane, Andrew McConnell
Israele, “Incitement”, di Yaron Zilberman
Itala, “Il Traditore”, di Marco Bellocchio
Giappone, “Weathering With You”, di Makoto Shinkai
Kazakhstan, “Kazakh Khanate. The Golden Throne”, di Rustem Abdrashov
Kenya, “Subira”, di Ravneet Singh (Sippy) Chadha
Kosovo, “Zana, di Antoneta Kastrati
Kyrgyzstan, “Aurora”, di Bekzat Pirmatov
Latvia, “The Mover”, di Davis Simanis
Libano, “1982”, di Oualid Mouaness
Lithuania, “Bridges of Time”, di Audrius Stonys, Kristine Briede
Lussemburgo, “Tel Aviv on Fire”, di Sameh Zoabi
Malaysia, “M for Malaysia”, di Dian Lee, Ineza Roussille
Messico, “The Chambermaid, di Lila Avilés
Mongolia, “The Steed”, di Erdenebileg Ganbold
Montenegro, “Neverending Past”, di Andro Martinović
Morocco, “Adam”, di Maryam Touzani
Nepal, “Bulbul”, di Binod Paudel
Netherlands, “Instinct”, di Halina Reijn
Nigeria, “Lionheart”, di Genevieve Nnaji
North Macedonia, “Honeyland”, di Ljubo Stefanov, Tamara Kotevska
Norway, “Out Stealing Horses”, di Hans Petter Moland
Pakistan, “Laal Kabootar”, di Kamal Khan
Palestina, “It Must Be Heaven”, di Elia Suleiman
Panama, “Everybody Changes”, di Arturo Montenegro
Peru, “Retablo”, di Alvaro Delgado Aparicio
Philippines, “Verdict, di Raymund Ribay Gutierrez
Polonia, “Corpus Christi”, di Jan Komasa
Portogallo, “The Domain”, di Tiago Guedes
Romania, “The Whistlers”, di Corneliu Porumboiu
Russia, “Beanpole”, di Kantemir Balagov
Saudi Arabia, “The Perfect Candidate”, di Haifaa Al Mansour
Senegal, “Atlantics”, di Mati Diop
Serbia, “King Petar the First”, di Petar Ristovski
Singapore, “A Land Imagined, di Yeo Siew Hua
Slovakia, “Let There Be Light”, di Marko Skop
Slovenia, “History of Love”, di Sonja Prosenc
South Africa, “Knuckle City”, di Jahmil X.T. Qubeka
South Korea, “Parasite”, di Bong Joon Ho
Spagna, “Pain and Glory, di Pedro Almodóvar
Svezia, “And Then We Danced, di Levan Akin
Svizzera, “Wolkenbruch’s Wondrous Journey Into the Arms of a Shiksa”, di Michael Steiner
Taiwan, “Dear Ex”, di Mag Hsu, Chih-Yen Hsu
Thailand, “Krasue: Inhuman Kiss”, di Sitisiri Mongkolsiri
Tunisia, “Dear Son, di Mohamed Ben Attia
Turchia, “Commitment Asli”, di Semih Kaplanoglu
Ucraina, “Homeward, di Nariman Aliev
United Kingdom, “The Boy Who Harnessed the Wind, di Chiwetel Ejiofor
Uruguay, “The Moneychanger, di Federico Veiroj
Uzbekistan, “Hot Bread”, di Umid Khamdamov
Venezuela, “Being Impossible”, di Patricia Ortega
Vietnam, “Furie, di Le Van Kiet

FONTE THR