fbpx
Matthew Vaughn: la sua idea di Superman avrebbe cambiato le origini e la visione del supereroe.

Matthew Vaughn: la sua idea di Superman avrebbe cambiato le origini e la visione del supereroe.

Matthew Vaughn: la sua idea di Superman avrebbe cambiato le origini e la visione del supereroe.

Anche se a spuntarla su tutti è stato Zack Snyder, dirigendo Superman in “Man of Steel” sul grande schermo, molti altri registi avevano in mente diverse idee sul supereroe più amato al mondo. J.J. Abrams, Kevin Smith, Tim Burton e Robert Rodriguez infatti, a un certo punto della loro carriera, si sono approcciarti a questo personaggio, così come Matthew Vaughn, il quale ha avuto modo di riflettere su un reboot alternativo dedicato al supereroe.

Nel 2008, il regista ha lavorato ad un’idea da proporre a Warner Bros. insieme a Mark Millar. E, a giudicare dalle sue ultime rivelazioni, si trattava di uno sviluppo molto diverso da quello scelto da Zack Snyder per il suo film.

Vaughn, ha rivelato che avrebbe ambientato il primo capitolo della trilogia interamente su Krypton, con al centro della scena Jor-El e l’imminente esplosione del pianeta, sebbene quest’ultimo andasse comunque incontro alla distruzione. L’idea di Vaughn e di Millar era quella di far crescere, diventare uomo e maturare la lealtà alla Terra e Krypton a Superman sul suo pianeta natale, alimentandone ed accentuandone di conseguenza l’aspetto alieno.

Una visione quindi che avrebbe sancito la fine definitiva di Krypton, a differenza di “Man of Steel” che dopo l’iniziale ambientazione kryptoniana, sviluppa il tradizionale concetto secondo cui Superman è stato cresciuto dalla famiglia Kent, dopo essere stato inviato sulla Terra.

Probabilmente, a giudicare dagli scadenti sviluppi del progetto tra le mani di Zack Snyder, Warner Bros. avrebbe fatto bene a dare le chiavi a Mark Millar e Matthew Vaughn.

FONTE THE PLAYLIST.