fbpx
“David di Donatello 2019”, a Dario Argento il David Speciale.

“David di Donatello 2019”, a Dario Argento il David Speciale.

“David di Donatello 2019”, a Dario Argento il David Speciale.

Dario Argento, regista, sceneggiatore e produttore, riceverà il David Speciale nel corso della 64a edizione dei Premi David di Donatello, come annunciato dal Presidente e Direttore Artistico dell’Accademia del Cinema ItalianoPremi David di Donatello, Piera Detassis.

Il riconoscimento, deciso in accordo con il Consiglio Direttivo, verrà consegnato il prossimo 27 marzo nell’ambito della cerimonia di premiazione, in diretta in prima serata su RAI 1 condotta da Carlo Conti.

“Con il David Speciale a Dario Argento premiamo un maestro nell’arte della paura e del thriller, l’autore capace di suscitare, indagandoli nel profondo, i nostri atavici spaventi con uno stile personale che ha influenzato intere generazioni, unendo affondo d’autore e vocazione alla narrazione di genere – ha detto Piera Detassis – Un esempio di cinema pop sempre linguisticamente innovativo. Siamo felici e onorati di assegnargli il David di Donatello Speciale a riconoscimento di una carriera che lascia un segno profondo rosso nella storia del cinema”.

In cinquant’anni di carriera, Dario Argento è stato capace di creare un universo espressivo originale e assolutamente riconoscibile, teso, emozionante e suggestivo, lavorando su territori raramente battuti dal cinema italiano: la sua intera opera, dedicata alla rappresentazione del giallo, del thriller e dell’horror, è stata spesso oggetto di imitazione e culto da parte di tanti cineasti e appassionati di tutto il mondo. I suoi lavori più noti sono caratterizzati da un forte impatto visivo supportato da un sapiente uso della colonna sonora: fra i tanti, Profondo rosso, Opera, Tenebre, le trilogie degli Animali (L’uccello dalle piume di cristallo, Il gatto a nove code, 4 mosche di velluto grigio) e de Le tre madri (Suspiria, Inferno, La terza madre) lo hanno posto al livello dei più grandi autori internazionali.

La Redazione.