OSCAR 2019: 87 paesi hanno presentato i loro film per la Categoria Lingua Straniera

OSCAR 2019: 87 paesi hanno presentato i loro film per la Categoria Lingua Straniera.

Ottantasette paesi hanno presentato film da prendere in considerazione, nella categoria lingua straniera, per la 91° edizione degli Academy Awards.

Le nomination agli Oscar saranno annunciate il 22 gennaio e la cerimonia si terrà il 24 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles. L’Accademia delle Arti e delle Scienze del cinema ha fatto l’annuncio lunedì.

Tra i titoli di spicco figurano dal Messico “Roma” di Alfonso Cuaron, “The Guilty” della Danimarca, “Never Look Away” della Germania del precedente premio Oscar Florian Henckel von Donnersmarck,”Shoplifters” di Hirokazu Kore-eda, regista giapponese vincitore della Palma d’oro al recente Festival di Cannes, dal Libano Cafarnao” di Nadine Labaki, vincitore del Premio della giuria a Cannes, e dalla Polonia Pawel Pawlikowski con “Cold War“, vincitore del premio miglior regista di Cannes.

DI SEGUITO L’ELENCO COMPLETO DELLE PROPOSTE.

Afghanistan: “Madre di Rona Azim”, di Jamshid Mahmoudi.

Algeria: “Fino alla fine dei tempi”, di Yasmine Chouikh.

Argentina: “El Ángel”, di Luis Ortega.

Armenia: “Spitak”, di Alexander Kott.

Australia: “Jirga”, di Benjamin Gilmour.

Austria: “The Waldheim Waltz”, di Ruth Beckermann.

Bangladesh: “No Bed of Roses”, di Mostofa Sarwar Farooki.

Bielorussia: “Crystal Swan”, di Darya Zhuk.

Belgio: “Ragazza”, di Lukas Dhont.

Bolivia: “Il portiere”, di Rodrigo “Gory” Patiño.

Bosnia ed Erzegovina: “Never Leave Me”, di Aida Begić.

Brasile: “The Great Mystical Circus”, di Carlos Diegues.

Bulgaria: “Onnipresente”, di Ilian Djevelekov.

Cambogia: “Tombe senza nome”, di Rithy Panh.

Canada: “Family Ties”, di Sophie Dupuis.

Cile: “… E all’improvviso l’alba”, di Silvio Caiozzi.

Cina: “Hidden Man”, di Jiang Wen, regista;

Colombia: “Birds of Passage”, di Cristina Gallego, Ciro Guerra.

Costa Rica: “Medea”, di Alexandra Latishev.

Croazia: “L’ottavo commissario”, di Ivan Salaj.

Repubblica Ceca: “Winter Flies”, di Olmo Omerzu.

Danimarca: “The Guilty”, di Gustav Möller.

Repubblica Dominicana: “Cocote”, di Nelson Carlo De Los Santos Arias.

Ecuador: “A Son of Man”, di Jamaicanoproblem.

Egitto: “Yomeddine”, di AB Shawky.

Estonia: “Prendilo o lascialo”, di Liina Trishkina-Vanhatalo.

Finlandia: “Euthanizer”, di Teemu Nikki.

Francia: “Memoir of War”, di Emmanuel Finkiel.

Georgia: “Namme”, di Zaza Khalvashi.

Germania: “Never Look Away”, di Florian Henckel von Donnersmarck.

Grecia: “Polyxeni”, di Dora Masklavanou.

Hong Kong: “Operazione Mar Rosso”, di Dante Lam.

Ungheria: “Tramonto”, di László Nemes.

Islanda: “Woman at War”, di Benedikt Erlingsson.

India: “Village Rockstars”, di Rima Das.

Indonesia: “Marlina l’assassino in quattro atti”, di Mouly Surya.

Iran: “Nessuna data, nessuna firma”, di Vahid Jalilvand.

Iraq: “The Journey”, Mohamed Jabarah Al-Daradji.

Israele: “The Cakemaker”, di Ofir Raul Graizer.

Italia: “Dogman”, di Matteo Garrone.

Giappone: “Taccheggiatori”, di Hirokazu Kore-eda.

Kazakistan: “Ayka”, di Sergey Dvortsevoy.

Kenya: “Supa Modo”, di Likarion Wainaina.

Kosovo: “Il matrimonio”, di Blerta Zeqiri.

Lettonia: “To Be Continued”, di Ivars Seleckis.

Libano: “Cafarnao”, di Nadine Labaki.

Lituania: “Wonderful Losers: A Different World”, di Arunas Matelis.

Lussemburgo: “Gutland”, di Govinda Van Maele.

Macedonia: “Ingrediente segreto”, di Gjorce Stavreski.

Malawi: “The Road to Sunrise”, di Shemu Joyah.

Messico: “Roma”, di Alfonso Cuarón.

Montenegro: “Iskra”, di Gojko Berkuljan.

Marocco: “Burnout”, di Nour-Eddine Lakhmari.

Nepal: “Panchayat”, di Shivam Adhikari.

Paesi Bassi: “The Resistance Banker”, di Joram Lürsen.

Nuova Zelanda: “Yellow Is Forbidden”, di Pietra Brettkelly.

Niger: “L’anello nuziale”, di Rahmatou Keïta.

Norvegia: “Cosa diranno le persone”, di Iram Haq.

Pakistan: “Torta”, di Asim Abbasi.

Palestina: “Ghost Hunting”, di Raed Andoni.

Panama: “Le parole di Ruben non sono il mio nome”, di Abner Benaim.

Paraguay: “The Heiresses”, di Marcelo Martinessi.

Perù: “Eternità”, di Oscar Catacora.

Filippine: “Signal Rock”, di Chito S. Roño.

Polonia: “Guerra fredda”, di Pawel Pawlikowski.

Portogallo: “Pellegrinaggio”, di João Botelho.

Romania: “Non mi interessa se entriamo nella storia come barbari”, di Radu Jude.

Russia: “Sobibor”, di Konstantin Khabensky.

Serbia: “trasgressori”, di Dejan Zecevic.

Singapore: “Buffalo Boys”, di Mike Wiluan.

Slovacchia: “L’interprete”, di Martin Šulík.

Slovenia: “Ivan”, di Janez Burger.

Sud Africa: “Cuci l’inverno sulla mia pelle”, di Jahmil XT Qubeka.

Corea del Sud: “Burning”, di Lee Chang-dong.

Spagna: “Champions”, di Javier Fesser.

Svezia: “Border”, di Ali Abbasi.

Svizzera: “Eldorado”, di Markus Imhoof.

Taiwan: “Il grande Buddha +”, di Hsin-Yao Huang.

Thailandia: “Malila The Farewell Flower”, di Anucha Boonyawatana.

Tunisia: “Beauty and the Dogs”, di Kaouther Ben Hania.

Turchia: “The Wild Pear Tree”, di Nuri Bilge Ceylan.

Ucraina: “Donbass”, di Sergei Loznitsa.

Regno Unito: “Io non sono una strega”, di Rungano Nyoni.

Uruguay: “Dodici anni”, di Álvaro Brechner.

Venezuela: “La famiglia”, di Gustavo Rondón Córdova.

Vietnam: “Il sarto”, di Buu Loc Tran, Kay Nguyen.

Yemen: “10 giorni prima del matrimonio”, di Amr Gamal.

FONTE VARIETY.