A QUIET PASSION di Terence Davies

A QUIET PASSION DI TERENCE DAVIES

Il regista sceneggiatore inglese Terence Davies con il suo, assolutamente, emozionante: A QUIET PASSION, racconta l’affascinante, e per alcuni aspetti enigmatica, figura di Emily Dickinson, considerata tra i più grandi poeti americani e al mondo, il cui grande dono  e valore venne riconosciuto, come spesso accade, solamente dopo la sua scomparsa avvenuta nel 1886 all’età di cinquantasei anni a causa di una malattia ai reni, mostrandone l’istinto di ribellione nato in gioventù, represso dalla maturità di donna travagliata dalle molteplici sfumature ed espresso nella poesia.

Un percorso estremamente intimo e sofferente perfettamente trasmesso ed a cui abbandonarsi lasciandosi trasportare dal viscerale vortice emotivo, assaporandone e percependone i logoranti tormenti e dubbi che inevitabilmente condizionarono la vita della fragile donna. Emily data l’incapacità di tagliare il cordone ombelicale con la propria famiglia, un microcosmo dai saldi e morbosi legami, si rifugiò, consapevole di ricevere il dovuto conforto dalle irrequietezze interiori, nei toccanti versi, affidando ad essi i propri sentimenti, emozioni e le  profonde meditazioni sul tema della morte e sulla transitorietà dell’esistenza e della bellezza.

Emma Bell, nell’interpretazione della giovane poetessa e Cynthia Nixon, la Miranda di Sex and the City, nella magistrale personificazione della donna adulta, ne valorizzano, facendolo emergere, l’ardente spirito ben celato e schiacciato dall’immagine schiva e puritana imposta e richiesta dalla società patriarcale in cui viveva, sottolineandone la difficile e limitata posizione femminile a cui Emily tentava di opporsi, mettendone in discussione i vari aspetti, ogni qual volta le se ne presentava l’occasione, suscitando, naturalmente, l’ira e l’indignazione del padre, avvocato dalle ferree convinzioni ma di buon cuore.

A QUIET PASSION, nelle sale cinematografiche dal 14 giugno, in conclusione è un’opera commovente e coinvolgente, di estrema sensibilità da non perdere.

© Riproduzione Riservata