Oltre la Notte di Fatih Akin

Il regista tedesco di origine turca Fatih Akin, nel suo: Oltre la Notte (In The Fade), premiato ai Golden Globes come Miglior Film Straniero, focalizza l’attenzione sul terrorismo raziale legato all’ideologia nazista, messo da parte dalla ben più nota violenza fondamentalista religiosa dell’ISIS, su cui è rivolta la concentrazione, e preoccupazione, di tutto il mondo, ispirandosi, in particolare, agli attentati avvenuti in Germania tra il 2007 e il 2011, ad opera dell’NSU, Nationalsozialisticher, gruppo neonazista, mostrando lo straziante dolore con il quale un individuo è costretto a lottare in seguito alla perdita del proprio figlio e compagno, o compagna, di vita.

Diane Kruger, vincitrice al Festival di Cannes 2017 come Miglior Interprete Femminile, è Katja, moglie di Nuri (Numan Acar), turco stabilitosi in Germania, reinseritosi perfettamente nella società dopo aver scontato alcuni anni in carcere per spaccio di stupefacenti, entrambi genitori di Rocco. Tutto sembra scorrere nel migliore dei modi fino a quando un esplosione sconvolge drammaticamente la sua vita, uccidendo il marito assieme al piccolo. La lancinante, ed insostenibile, sofferenza, nonostante il conforto morale dei familiari e dell’avvocato amico di famiglia Danilo Fava (Denis Moschitto), affianco a lei nel difficile processo contro la coppia di giovani responsabili, spingerà la donna, dominata dal desiderio di vendetta, verso la totale distruzione personale, fino al compimento dell’ eclatante gesto finale.

Un vicenda struggente dall’argomento trattato tristemente attuale, la cui estremizzazione delle reazioni emotive, non soddisfa l’obbiettivo di scuotere, e toccare incisivamente nel profondo, la sensibilità degli animi, non suscitando il doveroso, e atteso, impatto emotivo, su cui pesa una costruzione scenica e narrativa prevedibile e non adeguatamente curata nei particolari, la quale scivola in una rappresentazione forzata e, di conseguenza non sufficientemente credibile, delle varie azioni, come testimonia la scelta relativa al finale della pellicola.

Una conclusione che non stupisce e sciocca come dovrebbe, bensì penalizza, ulteriormente, il coinvolgimento, limitandone il contatto empatico, deludendo, in gran parte, le aspettative, non riuscendo a sollevare l’intensa rabbia, indignazione e ribellione nei confronti di un problema che continua, incessantemente, a mietere vittime, sotto gli occhi inermi dei potenti, facendo riflettere sulla sempre, più concreta, spaventosa, prospettiva di riuscire a porre fine a tutto questo.

Oltre la Notte (In The Fade), arriverà nelle sale cinematografiche il 15 marzo, distribuito da BIM.

© Riproduzione Riservata