Sono Tornato di Luca Miniero

“Eravate un popolo di analfabeti, e dopo 80 anni torno e vi ritrovo un popolo di analfabeti”

Un amara immagine, ulteriormente sottolineata da questa inquietante affermazione, e non solo, presente nella grottesca parodia, dall’agro sapore, che emerge dalla pellicola diretta da Luca Miniero: Sono Tornato, tratta dal libro e dal film Er Ist Wieder Da diretto da Davis Wnendt, Lui è Tornato, la quale, ricalcando le orme del celebre film tedesco, utilizzando l’ironia della satira, mostra l’ipotetico ritorno di Benito Mussolini e il suo iniziale smarrimento nel rapportarsi con l’Italia di oggi.

Un triste e reale ritratto, innegabile specchio della palese desolante situazione in cui versa il bel paese, la quale evidenzia la profonda frustrazione dei cittadini, desiderosi di quel tanto atteso cambiamento in grado di riaccendere, negli animi feriti, la speranza del decisivo possibile miglioramento delle condizioni generali, risollevando le sorti di un popolo stanco, privo di fiducia, e stima, nei confronti di una classe dirigente considerata incompetente e non adeguata.

La sceneggiatura, scritta da Nicola Guaglianone, è ben scritta, buona l’interpretazione di Massimo Popolizio nelle vesti del Duce, così come piacevole Frank Matano nella parte del documentarista in erba Andrea Canaletti, il quale scambiando il dittatore per un comico ne fa il protagonista di un suo lavoro, occasione colta al volo da quest’ultimo, il cui scopo è semplicemente quello di riconquistare la massa e portare, finalmente, a termine il piano fallito anni prima, e che rappresenta uno dei periodi più drammatici della storia, le cui atrocità sono ben visibili negli occhi dei sopravvissuti.

Nonostante la buona intenzione di riuscire a far sentire il grido di sdegno degli italiani, dettato dalla rabbia e la voglia di essere traghettati fuori dalla crisi, riacquistando la dovuta e giusta dignità, il lungometraggio scivola rovinosamente, focalizzando positivamente una figura manipolatrice come quella dell’astuto Mussolini, e ponendo sotto i riflettori la remissione di un popolo che agisce senza riflettere, non valutando le pericolose future conseguenze, lasciandosi circuire, se così si può dire, con estrema facilità, da un chiaro subdolo, ingannevole atteggiamento benevolo, trasmettendo un errata percezione del messaggio, penalizzandone, naturalmente, il risultato finale, del tutto non soddisfacente.

Sono Tornato, nel cui cast troviamo anche: Stefania Rocca, Gioele Dix, Eleonora Belcamino, Ariella Reggio, Massimo  De Lorenzo, Giancarlo Ratti, Luca Avagliano, Piera Russo, Elena Staropoli, Marta Bulgherini, Guglielmo Favilla e Danilo Sarappa, distribuito da Vision Distribuition sarà nelle sale cinematografiche dal 1 febbraio 2018.

© Riproduzione Riservata